L8: attraverso Bergamo

Amo camminare … lo faccio spesso e percorro da città alta a città bassa un po’ tutti i quartieri e le zone di Bergamo. Spesso scendendo dalle mura, passo Porta Sant’Agostino, imbocco la pedonale e suggestiva Via della Noca e passo davanti all’Accademia Carrara, la pinacoteca della città.

Accademia Carrara

Riapre al pubblico il 23 aprile del 2015, dopo un lungo periodo di chiusura (dal 2008) per importanti lavori di restauro. Da allora è come se avesse acquisito una nuova vita e splendore, spesso al centro di eventi e mostre, molto amata e visitata dai bergamaschi.

casa-chiara-bb-accademia-carrara-1-jpg

L’Accademia Carrara fu voluta e istituita nel 1794 dal nobile bergamasco Giacomo Carrara ed è l’unico museo italiano composto unicamente da lasciti di importanti collezionisti privati. Dopo di lui infatti altri nobili e artisti lasciano le loro opere al museo: il conte Guglielmo Lochis (1789-1859), il senatore del Regno d’Italia Giovanni Morelli (1816-1891) e Federico Zeri (1921-1998). Accanto a queste donazioni maggiori si sono sommate negli anni circa duecento lasciti che hanno via via arricchito il patrimonio del museo.

Quando visito la Carrara e passo dalla sala dedicata a loro, penso sempre a queste persone come a dei miei antenati che in tempi così lontani hanno pensato a noi e ci hanno voluto donare un’eredità, opere che esprimono bellezza, talento umano e testimonianza della storia. Uscendo da quella sala mi scappa sempre un … grazie!

Questo legame così profondo della Carrara con il territorio e con i suoi abitanti emerge dalla scelta delle mostre e degli eventi, sempre di grande interesse e capaci di coinvolgere altri enti, diventando quasi una sorta di chiavi per aprire altri monumenti disseminati nella città e che ci permettono di percorrere e di attraversare la nostra Bergamo.

Un Lotto riscoperto

Termina il 26 febbraio la mostra presso l’Accademia Carrara: Un Lotto riscoperto.

casa-chiara-bb-accademia-carrara-lotto-1-jpg

Mostra attraverso la città, che ci permette di fare un percorso in compagnia di Lorenzo Lotto non solo presso la Carrara, ma, grazie alla Fondazione Adriano Bernareggi, nelle chiese del quartiere di Pignolo e grazie alla Mia nella Basilica di Santa Maria Maggiore in Città Alta.

Lorenzo Lotto è uno degli artisti più amati a Bergamo, fu uno dei principali esponenti del rinascimento veneziano del primo Cinquecento e durante i suoi soggiorni a Bergamo dona molti tra i suoi più importanti capolavori.

Lasciamoci guidare da questa mostra itinerante alla scoperta di questo artista in nuove vesti.

Presso l’Accademia Carrara ammiriamo in particolare due inediti: una tarsia che raffigura la Creazione e che venne consegnata a titolo di “saggio” agli amministratori della Basilica  e un suo presunto autoritratto, che in modo suggestivo  apre il percorso e che con il suo sguardo penetrante ti segue in ogni tuo movimento quando sei alla sua presenza.

Grazie alla Fondazione Adriano Bernareggi, possiamo passeggiare tra palazzi nobiliari, affacciarci a splendidi cortili nell’antico borgo di Pignolo e immergerci in un suggestivo itinerario tra arte e bellezza. E’ il borgo dove sono nata e amo osservare la capacità espressiva di Lotto nelle opere d’arte racchiuse nelle varie chiese che mi hanno accompagnata quasi quotidianamente per anni.

E infine restiamo letteralmente incantati davanti al Coro di Lotto e Capoferri di Santa Maria Maggiore, fu una delle imprese più celebri del Lotto, compiuta negli ultimi anni trascorsi a Bergamo: realizzare i disegni per le tarsie lignee. In esse possiamo ammirare tutta la sua potenza narrativa. “Un ciclo eccezionale, che non ha pari al mondo per complessità, qualità e conservazione: 33 tarsie, con altrettanti coperchi, sempre ad intarsio, per proteggerle. Finalmente si potranno vedere (non sempre sono accessibili al pubblico) in gruppi di 15, con prenotazione obbligatoria” (Bergamo Post) clicca qui. E se vuoi sapere di più sulla loro affascinante storia clicca qui

Lorenzo Lotto attraverso Bergamo – Lotto across Bergamo

Una mostra che si sviluppa in diversi luoghi della città e con tante iniziative aperte al pubblico: visite guidate, percorsi didattici per bambini e ragazzi, una pubblicazione e poi il coinvolgimento con il territorio con il progetto TI INVITO ALLA MOSTRA, con il quale ristoratori, commercianti, hotel e B&B hanno il piacere di invitare i propri ospiti alla mostra offrendo condizioni vantaggiose.

Anche Casa Chiara B&B ha il piacere di far parte di questo progetto.

L’amica, storica dell’arte e guida di Bergamo, Tosca Rossi ci ricorda inoltre che possiamo ammirare le opere del Lotto anche nella provincia di Bergamo, chi può soggiornare per più giorni nella nostra città può farsi guidare dai sui preziosi suggerimenti, clicca qui

Cosa aspetti? Mancano pochi giorni alla fine della mostra, non lasciarti sfuggire questa occasione unica, potrai anche usufruire delle offerte speciali di Ricetta d’Amore che noi di Casa Chiara B&B abbiamo pensato per te per tutto febbraio per celebrare il mese più romantico dell’anno.

TI ASPETTIAMO

logo-casachiara-no-sfondo-nerocasa-chiara-bb-accademia-carrara-logocasachiarabeb-facebookbergamo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...